Pagina iniziale Navigazione Contenuto Contatto

La consegna del premio

La consegna del premio

Intervista di MoneyFit a Damian Hänni (26), insegnante al 10o anno scolastico presso la BVS Biel/Bienne (Anno scolastico di preparazione alla professione)

MF: Congratulazioni per aver vinto il concorso MoneyFit 3! Come impiegherà questo buono viaggio?

DH: Probabilmente donerò il buono alla mia nuova classe per una gita tutti insieme.

MF: Lei è la prova che la sfida MoneyFit riesce a entusiasmare anche gli insegnanti. Come è venuto a conoscenza di MoneyFit?

DH: Tramite una collega. Dato che faccio parte di un progetto pilota della nostra scuola che mira a promuovere l’uso di strumenti didattici digitali a lezione, MoneyFit rappresentava l’integrazione digitale perfetta ai nostri sussidi didattici standard.

MF: Quanto è stato apprezzato MoneyFit dai suoi studenti?

DH: Tantissimo. I giovani si identificano molto con i simpatici fumetti e i personaggi delle storie. I contenuti in parte si sono rivelati ambiziosi portando gli studenti al limite. Alcuni conoscevano già MoneyFit 1 e 2 dalla scuola dell’obbligo. 

MF: In che modo ha utilizzato MoneyFit a lezione?

DH: Lavoravo prevalentemente con l’e-book (link) e mi concentravo sui compiti. Gli studenti fornivano le risposte creando note con OneNote. Le fonti per rispondere alle domande erano a libera scelta, tuttavia per me era importante che nella sezione relativa alla soluzione non venissero inserite semplicemente risposte predefinite. Piuttosto incoraggiavo i miei studenti a cercare la giusta soluzione sperimentando diversi formati di risposta come screenshot, disegni o brevi video. Ha funzionato benissimo! 

Ho sfruttato la sfida online come preparazione all’esame e io stesso ho partecipato con entusiasmo. Sono particolarmente contento di essere rientrato subito fra i vincitori nonostante fosse la prima volta che partecipavo.

MF: A suo avviso, cosa differenzia MoneyFit dagli altri strumenti didattici relativi alle competenze finanziarie?

DH: Gli strumenti didattici che conosco e che riguardano le competenze finanziarie sono principalmente strumenti a tutto tondo che forniscono una buona panoramica su temi di carattere generale (ad es. spiegazione della carta di debito o di credito). MoneyFit convince grazie al suo approccio di storytelling legato alle situazioni di vita quotidiana (ad esempio: budget per apprendistato, assicurazioni, tasse ecc.).

MF: Che cosa l’ha maggiormente sorpreso trattando il tema?

DH: È stato triste constatare quante poche conoscenze avessero gli studenti in merito. La maggior parte di loro raramente aveva riflettuto prima su temi quali assicurazioni, budget o salari da apprendisti.

MF: Raccomanderebbe MoneyFit 3 come strumento per il 10o anno scolastico?

DH: Assolutamente. Le domande rientravano perfettamente nel mio programma e anche il commento dell’insegnante era utile.

MF: MoneyFit 3 è attualmente in fase di rielaborazione completa e implementato come strumento didattico puramente digitale. Uno strumento del genere troverebbe impiego nella sua scuola?

DH: Sì. Già ora MoneyFit si adatta molto bene agli insegnanti che vogliono utilizzare per la prima volta uno strumento didattico digitale a lezione. Inoltre, gli apparecchi per noi non rappresentano un problema e anche l’uso degli smartphone a fini scolastici è ammesso.  

MF: Cosa si augura con la versione rielaborata dello strumento didattico?

DH: Vorrei che la sfida online fosse legata alla parte didattica. Nota della redazione: stiamo proprio verificando se è possibile farlo nella nuova versione.

MF: Come descriverebbe MoneyFit 3 in tre parole?

DH: ben strutturato, informativo e piacevole, sia per gli studenti sia per gli insegnanti.

MF: Grazie per la sua disponibilità!

Indietro